Elettrico o idrogeno: le alternative per i camion

Elettrico o Idrogeno le alternative per i nuovi camion - ilportaleweb

La battaglia per la ricerca ad una significativa riduzione delle emissioni si combatte anche nel trasporto merci.

Con una penetrazione ancora bassa nel mercato delle autovetture, i produttori stanno cercando di promuovere le loro soluzioni tecnologiche nei veicoli commerciali a lungo raggio.

Le alternative sono molto differenti; da un lato, alcuni produttori hanno preferito puntare sulla cella a combustibile a idrogeno; dall’altro hanno optato per le batterie elettriche.

Attualmente, entrambe le tecnologie hanno le stesse difficoltà: le infrastrutture di ricarica

Nel caso della cella a combustibile, siamo ancora di fronte a una tecnologia che deve essere sviluppata e scalabile, con l’obiettivo di raggiungere un prezzo competitivo sul mercato. In questo modo, Toyota e Hino Motors hanno sviluppato un’alternativa a celle a combustibile alla fine dello scorso anno, che inizierà ad avere veri test nella primavera del 2022. Allo stesso modo, i gruppi Daimler e Volvo hanno presentato alla fine dello scorso anno una joint venture sviluppare, produrre e commercializzare sistemi di celle a combustibile per l’uso in autocarri pesanti. In questo modo, il gruppo svedese Volvo ha acquisito metà delle azioni della società Daimler Truck Fuel Cell per un importo di 600 milioni di euro.

La nuova società, denominata CellCentric, mira a realizzare una delle più grandi produzioni in serie in Europa di sistemi a celle a combustibile, il cui avvio è previsto nel 2025. A tal fine, entrambi i consorzi hanno richiesto l’installazione di circa 300 stazioni di rifornimento di idrogeno adatte a veicoli entro il 2025 e circa 1.000 stazioni di rifornimento di idrogeno entro il 2030 in Europa.

Ma non è l’unica scommessa che entrambi hanno fatto in termini di elettrificazione

Lo scorso luglio Daimler Trucks, il Gruppo Volvo e Traton, consorzio formato dai marchi MAN, Scania e Navistar, e che fa parte del Gruppo Volkswagen, hanno firmato un accordo per la creazione di una società mista che prevede di entrare in funzione nel 2022.

Le parti intendono investire 500 milioni di euro per installare e gestire almeno 1.700 punti di ricarica di energia verde ad alte prestazioni in prossimità delle strade, nonché nei punti di destinazione e logistici, entro cinque anni dalla costituzione della joint venture.

Tuttavia, questa tipologia di veicolo e le sue diverse tecnologie volte alla riduzione delle emissioni inquinanti sono state escluse dalla terza edizione del piano Moves, dotato di 400 milioni di euro, espandibili fino a 800 milioni se la domanda lo richiede.

Scommettere sulle batterie

L’uso delle batterie elettriche rappresenta un’ulteriore difficoltà rispetto a quello delle autovetture. L’aumento di peso e la riduzione della capacità di carico sono i grandi svantaggi di questo tipo di tecnologia nei veicoli commerciali.

Questo non sembra essere un problema per il Gruppo Volkswagen, che ha optato per l’utilizzo di batterie elettriche non solo nelle autovetture, ma anche nei camion. L’amministratore delegato del consorzio automobilistico tedesco, Herbert Diess, si è già espresso contro l’uso dell’idrogeno e ha optato per l’uso delle batterie elettriche.

Al contrario, gli argomenti utilizzati per difendere l’elettrificazione contro la cella a combustibile si basano su un migliore utilizzo dell’energia, nonché su minori costi di acquisizione e manutenzione dei camion.

Tesla è nella stessa situazione

L’azienda nordamericana ha presentato quattro anni fa il Semi, un camion elettrico, dalle arie futuristiche, che punta ad avere un’autonomia elettrica compresa tra 480 e 800 chilometri. Però, il suo arrivo sul mercato sarà ritardato fino al 2022 a causa della carenza globale di semiconduttori che ha colpito l’intero settore dalla fine dello scorso anno.

L’ultimo gruppo automobilistico a intraprendere l’elettrificazione dei veicoli commerciali è stato il cinese Geely che, attraverso il suo marchio di veicoli commerciali Farizon Auto, ha presentato il modello Homtruck, le cui prime consegne dovrebbero essere disponibili all’inizio del 2024.

Il consorzio asiatico svilupperà questo modello con tre diversi propulsori: metanolo, elettrico a gamma estesa e completamente elettrico.

Redazione

Il Portale Web è un sito di informazione, trattiamo diversi argomenti di utilità per i nostri lettori. Siamo sempre alla ricerca di nuovi redattori. Contattaci se vuoi collaborare con noi

error: Content is protected !!