Costume e società

La più grande indagine anti-corruzione di Ucraina e Polonia

Il caso dell’ex Capo dell’Ukravtodor Slawomir Nowar, detenuto dalla corte polacca la scorsa settimana, ha aggiunto nuovi dettagli, Promote Ukraine (Promuove dell’Ucraina) rapporti con riferimento all’agenzia delle Notizie Ucraine.

Per ricapitolare, la detenzione è avvenuta come parte di un’operazione internazionale da parte dell’Ufficio nazionale anti-corruzione dell’Ucraina (NABU, Ucraina), la Procura specializzata anti-corruzione (SAP, Ucraina) e l’Ufficio centrale anticorruzione (CBA, Polonia). Slawomir Nowak è sospettato di riciclaggio, estorsione e ottenimento di proprietà e benefici personali in cambio della fornitura a favore di aziende private di contratti per la costruzione e la riparazione di strade in Ucraina. La procura polacca ha provato il fatto che ha ricevuto 1,3 milioni di zloty (circa 300 mila euro) da questi schemi di corruzione.

Gli investigatori ucraini e polacchi continuano a identificare e valutare beni, rendendo chiaro che è troppo presto per dichiarare chiusa la faccenda. Tutto indica che gli ufficiali di polizia di entrambi i paesi non si concentrano tanto sul personaggio di Novak, quanto sulla documentazione dei contratti di costruzione e riparazione di strade durante il periodo di gestore maggiore polacco a capo di “Ukravtodor” (2016-2019).

Secondo il direttore del NABU, Artem Sytnyk, al momento, l’importo relativo agli appalti in fase di valutazione come parte dell’indagine è di 270 milioni di euro.

L’indagine esamina un numero senza precedenti di sospetti. Secondo Artem Sytnyk, 4 persone sono già state processate. Il servizio stampa del SAP chiarisce che 5 persone sono attualmente coinvolte nell’indagine di corruzione e riciclaggio.

“Il caso ha segnalato 5 persone sospette, ovvero il presidente “Ukravtodor” in carica, due cittadini polacchi, un cittadino straniero – un rappresentante di una delle aziende, che ha partecipato nelle gare d’appalto del “”Ukravtodor”, e un cittadino ucraino – un ex consigliere del capo di “Ukravtodor”. Il lavoro dell’indagine congiunta continua, un altro possibile episodio di attività criminale sul territorio dell’Ucraina, della Repubblica di Polonia e di altri paesi sono sotto indagine,” dice il SAP nella sua dichiarazione.

Secondo il NABU, nei limiti del caso dell’ex capo del “Ukravtodor” Slawomir Novak, sono già state condotte 50 ricerche a Kyiv, Lviv e in Polonia. Le ricerche vengono svolte negli uffici del “Ukravtodor” e delle aziende che hanno partecipato alle gare d’appalto delle aziende statali. L’indagine presta particolare attenzione all’ultimo caso, ovvero le tangenti da parte dell’amministrazione del “Ukravtodor” da parte di grandi rappresentanti di contraenti.

“Il problema principale per quanto riguarda la situazione del “Ukravtodor” è che il mercato di costruzione di strade in Ucraina è attualmente diviso fra due aziende, ovvero “Avtomagistral-Pivden” (Ucraina) e “Onur Group” (Turchia). Infatti, queste due aziende controllano l’adozione di un importante decisione sulle gare d’appalto relative al “Ukravtodor”, dice una fonte vicina all’indagine. “I partecipanti nel mercato che non sono connessi a queste due aziende non hanno potuto partecipare alle gare d’appalto o non gli è stato permesso di agire come partecipanti formali.” Inoltre, fra i difensori del caso troviamo le aziende “Altcom” (Ucraina) e ECM Group (Polonia), secondo il giornalista Yuriy Butusov.

Lo straniero di cui si è parlato, che ha ricevuto la notifica di sospetto, è il coordinatore generale di “Onur Group Ukraine” Emre Karaahmetoglu, chiarisce “Obozrevatel”. Il sospetto di commettere reato di corruzione è stato comunicato alla difesa durante le indagini a Lviv, come riporta il NABU. L’agenzia ha anche rilasciato una foto del passaggio di notifica della procedura di sospetto.

L’imprenditore e le aziende relative da “Onur Group” sono sospettate di schemi di corruzione su larga scala nelle gare d’appalto per le riparazioni di strade. Lo stesso vale per altre grandi aziende fra i contraenti del “Ukravtodor”.

“Onur Group Ukraine” ha confermato la ricerca da parte delle agenzie delle forze dell’ordine in un caso criminale sulle attività dell’ex capo del “Ukravtodor” Slawomir Novak. Questo è stato riportato nel servizio stampa dell’azienda con la promessa simultanea di fornire informazioni più dettagliate sull’indagine.

È stato dichiarato che “Onur Group Ukraine” faciliterà l’indagine sulle attività del ex capo del “Ukravtodor” e fornirà accesso completo alle informazioni che aiuterebbero le indagini con la partecipazione del NABU, del SAP e del Centralne Biuro Antykorupcyjne (CBA)”.

L’avvocato Oleksandr Plakhotnik chiarisce che la corruzione viene punita con libertà vigilata da due a cinque anni. Se il crimine viene ripetuto, una persona colpevole andrà incontro fino ad otto anni di prigione. “Se i fatti di consegna di tangente vengono realmente provati, si tratta di un problema di responsabilità criminale. Ovviamente, le persone responsabili delle aziende verranno punite per questo,” dice Oleksandr Plakhotnyk.

Secondo Prozorro, le aziende “Onur Group” hanno ricevuto ordini per un totale di UAH 37,6 miliardi dal budget dal 2017. “Questo è un enorme cifra, anche per gli standard di un’azienda internazionale. L’azienda turca è stata creata in Ucraina nel 2004. Uno dei proprietari della filiale di Kyiv è Oleg Farion di Lviv, scrive “Obozrevatel”.

Secondo la pubblicazione, molti scandali non hanno fermato le aziende di radici turche dal ricevere regolarmente tangenti in tutto il paese – in Odesa, Lviv, Kyiv. Dunque, nel 2017, la Polizia Nazionale sospetta che “Onur” per riparazioni di scarsa qualità alla Peremohy Avenue e varie altre autostrade di Kyiv. Secondo l’indagine, “Onur Group Ukraine” era sospettata di aver partecipato ad uno schema superamento dei costi di lavori edili.

L’amministrazione di “Onur Group Ukraine” nega categoricamente tutte le accuse, considerandole inverosimili e spinte da motivi politici.

“Nego tutti i sospetti su di me e l’azienda e dichiaro che sono infondate. Siamo disponibili a cooperare con l’indagine e farò del mio meglio per portare il caso in tribunale al più presto, per identificare e punire in modo giusto i colpevoli, per rimuovere ogni sospetto dalla mia persona e dall’azienda,” dichiara Emre Karaahmetoglu.

Intanto, moltissimi impiegati del “Ukravtodor” dichiarano la loro disponibilità a cooperare con le forze dell’ordine e fornire tutte le informazioni necessarie all’indagine.

“Ora il SAP e il NABU indagano i documenti recuperati durante le ricerche del “Ukravtodor”. Nel frattempo, dopo la decisione della corte, alcuni individui, fra cui ufficiali civili, sono stati informati sugli abusi nell’Ente Statale, hanno già espresso prontezza a cooperare con le indagini e fornire le informazioni sulla corruzione al “Ukravtodor”, conferma il SAP.

E, come si può dedurre, molti dei nuovi sviluppi nel “caso Novak” dipenderanno dalle prove degli impiegati del “Ukravtodor” sopracitati.